Header Image
 

Mercy Meet

10 Giugno 2020

"Il miglior strumento per evangelizzare i giovani sono altri giovani" così’ diceva papa Francesco a conclusione del suo viaggio in Brasile ed è quello che i giovani della Comunità "Eccomi, manda me!" hanno fatto all’inizio di quest'anno incontrandosi ogni ultimo venerdì del mese nella Chiesetta di S. Vito e organizzando un incontro semplice fatto di preghiera, annuncio, lode per far conoscere Gesù a tutti coloro che in maniera diversa lo cercano.


"Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date" (Mt, 10,8) è questa la parola che spinge chi ha incontrato Gesù e ha sperimentato la sua salvezza a non tenere per sé questo dono a ma a condividerlo con tutti coloro che ancora non lo hanno ricevuto.
Quando il 4 Marzo 2020 tutta l’Italia si è fermata a causa del coronavirus il desiderio di annunciare Gesù nel cuore di questi giovani non si è spento e allora si è cercato, grazie alla creatività dello Spirito Santo, un modo per continuare.
In un’era informatica, i mezzi tecnologici sono stati uno strumento prezioso per fare arrivare la parola di Dio "fino agli estremi confini della terra".
Così lo Spirito Santo ha suscitato l’idea di preparare un incontro alternativo, un incontro virtuale!
Nei giorni 3 e 4 Giugno tantissimi giovani si sono incontrati su YouTube per un “Mercy meet”, titolo dell’evento, per vivere un’esperienza unica di misericordia attraverso la riflessione di due personaggi biblici che hanno vissuto nella loro vita l’incontro straordinario con l’amore di Dio: Re Davide scelto nella sua piccolezza ma reso forte della presenza di Dio al suo fianco e la Donna adultera alla quale Gesù ha ridato una nuova dignità sottolineando come lei non coincidesse con il suo peccato e spalancandole davanti un futuro completamente rinnovato.
Dio opera nella vita di ogni uomo facendogli fare l’esperienza della sua misericordia, del suo amore che ama senza condizioni, rendendo persone nuove coloro che si lasciano amare da Lui. È bello sapere che Dio sceglie non per meriti o per talenti ma semplicemente per amore.
Gli insegnamenti hanno preso forma e si sono incarnati nelle testimonianza di due ragazzi che hanno raccontato, in maniera semplice ma efficace, la straordinaria esperienza dell’amore di Dio fatta nella loro vita.
Due ragazzi che hanno vissuto un lungo periodo lontano da Gesù, alla ricerca continua di felicità vivendo la loro vita in maniera disordinata, hanno poi fatto l’esperienza di essere raggiunti da quella mano che rialza proprio in fondo al tunnel senza via d’uscita dove si trovavano.
Con grande gioia hanno testimoniato come questo amore personale li ha rialzati cambiando la loro tristezza in gioia, riempiendo di senso la loro vita e mettendo nel loro cuore il desiderio di annunciare agli altri “ho incontrato Gesù”.
Alla fine di questi due incontri i volti che comparivano al di là dello schermo erano raggianti, Dio aveva toccato i cuori mettendo la certezza che il suo amore fa nuove tutte le cose, che nulla è impossibile a Lui e che in ogni uomo c’è un'opera d’arte che l’Artista Divino fa venire fuori usando uno scalpello speciale: la misericordia.
Se anche tu vuoi scoprire l'opera d’arte che è nascosta in te, ti aspettiamo al prossimo incontro giovani, l’Artista Divino vuole lavorare anche su di te!