Header Image
 

Testimoni del Risorto

15 Aprile 2022

Nei giorni 7 e 8 Aprile 2022 la comunità “Eccomi, manda me” ha tenuto, presso il salone della Parrocchia San Pio X, un ritiro a cui hanno partecipato in presenza tanti fratellini e altri si sono collegati online da varie parti della Sicilia e d’Italia.

Il ritiro, dal titolo “Testimoni del Risorto”, è stato proposto in preparazione della Santa Pasqua perché questa festa è il cuore e il fondamento della fede cristiana. Noi crediamo non in un Dio qualsiasi, ma in quel Dio, che ci è stato rivelato da Cristo morto e risorto e di questo ciascuno di noi può esserne testimone nella propria vita.

I nostri cuori stanchi, angosciati, sono stati consolati dal Signore attraverso due frasi importanti della sua Parola:

- “Non abbiate paura!” (cfr. Mc 16,5-6). Tema centrale di questa meditazione è stata la paura che tante volte ci blocca davanti al sepolcro senza permetterci di sperimentare la potenza della Risurrezione e la vita in abbondanza che Gesù è venuto a portare;

- “Donna perché piangi?” (Gv 20,11-18): che bello scoprire che le nostre lacrime Dio li raccoglie nel suo otre come gemme preziosissime. Risorgere significa permettere al signore di entrare dentro la nostra sofferenza e viverla con Lui, entrare dentro il sepolcro e uscirne risorti.

Riportiamo di seguito la testimonianza di una coppia collegati online da Milano:

Carissimi fratelli della Comunità “Eccomi, manda me”, ringraziamo il Signore e tutti voi per averci donato la possibilità di partecipare al ritiro “Testimoni del Risorto”. È stata un’esperienza molto bella, profonda e di grande utilità e consolazione.

Per noi quest’ultimo anno è stato molto duro e di grande sofferenza, per vicissitudini sia personali che comunitarie; abbiamo versato tante lacrime da riempire l’otre di cui si è parlato in modo così ispirato nella dinamica di venerdì sera.

La riflessione sulla sofferenza di Maria Maddalena che l’ha bloccata fuori dal sepolcro e che le ha impedito di riconoscere il Risorto ci ha toccato il cuore.

Durante le due adorazioni con preghiera di guarigione abbiamo ricevuto un aiuto straordinario dal Signore che ci ha permesso di lasciarci alle spalle il passato doloroso e ritornare a vivere e non a sopravvivere.

Grande sollievo e gioia ci ha dato la consapevolezza che ogni lacrima che abbiamo versato è raccolta dal Signore e da Lui custodita come un tesoro prezioso.  Il nostro dolore non è andato perduto. Ora possiamo risorgere con Cristo.

Lode e gloria al Signore Gesù!