Header Image
 

Giornata di giubilo e preghiera!

27 Aprile 2023

Domenica 23 Aprile u.s. si è svolto, nel santuario della Madonna delle Lacrime di Siracusa, il Settimo Convegno Regionale degli Adoratori delle Cappelle dell’Adorazione Eucaristica di Sicilia. Più di 2.000 adoratori provenienti da diverse province siciliane in pochi istanti hanno riempito la chiesa inondandola della gioia di condividere insieme l’esperienza dell’Adorazione Eucaristica.

Ospite dell’incontro è stato Don Luigi Maria Epicoco che ha spezzato la Parola di Dio attraverso una bellissima riflessione dal titolo “Tutti voi siete uno in Cristo Gesù (Gal 3,28) - I frutti dell’eucaristia.”

Don Luigi ha sottolineato quanto sia importante l’esperienza che ciascuno di noi vive nelle cappelle eucaristiche, un’esperienza suscitata dallo Spirito Santo e che sta portando frutti meravigliosi: lì dove fioriscono le cappelle dell’Adorazione spesso rifiorisce anche la vita cristiana, le vocazioni, il desiderio di rispondere alla chiamata della santità in tutto il popolo di Dio. Le cappelle dell’Adorazione sono delle oasi nel deserto che aiutano il popolo a trovare di nuovo la forza, a rifocillarsi, a ritrovare la strada, a ritrovare la direzione.

Gesù alla fine del vangelo di Matteo fa una promessa ai discepoli e a tutti noi “Io sarò con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”: la realizzazione di questa promessa è l’Eucaristia.

Davanti a Gesù ci scopriamo stupiti come Simeone che prendendo in braccio Gesù bambino disse “Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola; perché i miei occhi han visto la tua salvezza”: quel bambino era la salvezza di Israele e di tutta l’umanità.

Ognuno di noi sostando davanti a Gesù Eucaristia è messo nella stessa condizione di coloro che hanno potuto incontrare Gesù raccontato nel vangelo, ognuno di noi può fare la stessa esperienza che hanno fatto i suoi contemporanei. Davanti a Gesù Eucaristia incontriamo quel bambino che ha attraversato più di trent’anni di storia, che ha calpestato la terra santa, che ha vissuto, che ha incontrato, ha insegnato, è stato condotto a Gerusalemme, è stato condannato, ha patito la passione, è morto in croce.

Don Luigi Maria Epicoco ha arricchito l’uditorio con la sua catechesi e, come un fiume in piena, ha donato ad ognuno mille e mille spunti di riflessione, tenendo sempre alta l’attenzione.

L’incontro è stato arricchito da tante testimonianze fatte da alcuni Adoratori, tra cui anche un seminarista della diocesi di Ragusa: ognuno ha condiviso la propria esperienza personale e comunitaria legata all’Adorazione Eucaristica e della forza della parola di Dio che tocca ogni cuore in modo unico e personale, producendo sempre l’effetto per cui è stata mandata.

 “Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme al seminatore e pane da mangiare, così sarà della parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l'ho mandata”. (Isaia 55,10-11)

L’incontro è terminato con la gioia e il desiderio di annunciare a tutti il dono grande che Dio continua a fare alla Chiesa della sua presenza viva e reale nell’Eucarestia.

“Quante conversioni, quanta pace, quanta guarigione profonda è scaturita da Gesù realmente presente nell’Eucarestia. Ai piedi del Maestro tutto si capisce e tutto si rinnova.

L’Adorazione Eucaristica è sicuramente un “ambito” straordinario dove incontrare il Dio vivente per vivere in pienezza e capire sia la grandezza di Dio che anche la miseria dell’uomo e il suo bisogno di salvezza”. (P. Salvatore Tumino dal libro "Gesù guarisce il tuo cuore”)