Header Image
 

Incontro 22 giugno 2018

03 Luglio 2018

Come ogni mese, siamo stati invitati a partecipare all’incontro mensile delle Cellule, un momento molto importante per tutti noi, dove abbiamo la possibilità di incontrarci per poter lodare Dio insieme e gioire per le meraviglie che Lui compie nella nostra vita personale e comunitaria.

“Ecco, com’è bello e com’è dolce
che i fratelli vivano insieme!
È come olio prezioso versato sul capo,
che scende sulla barba, la barba di Aronne,
che scende sull’orlo della sua veste.
È come la rugiada dell’Ermon,
che scende sui monti di Sion.
Perché là il Signore manda la benedizione,
la vita per sempre.” (Sal 133)

Venerdì 22 giugno abbiamo visto realizzarsi questa Parola, è stato Bello poterci incontrare come fratelli nella casa della comunità “Eccomi, manda me!”, la famiglia che si riunisce a casa propria.Come ogni mese, siamo stati invitati a partecipare all’incontro mensile delle Cellule, un momento molto importante per tutti noi, dove abbiamo la possibilità di incontrarci per poter lodare Dio insieme e gioire per le meraviglie che Lui compie nella nostra vita personale e comunitaria. Ma questa volta, invece del teatro “al chiuso”, abbiamo utilizzato il cortile della comunità in contrada Pozzillo.

È stato un incontro pieno di gioia, già nell’accoglienza, è stato bello poter abbracciare e salutare tanti fratelli e sorelle, conoscerne tanti alla loro prima esperienza. Ringraziare Dio perché attraverso ogni sorriso, ogni abbraccio scopri e/o riscopri di avere accanto a te una grande famiglia spirituale nella propria quotidianità.L’incontro è stato scandito da canti e lode, da un insegnamento dove è stata predicata la bellezza della Santità, scoprendone alcune caratteristiche tratte dall’esortazione apostolica di papa Francesco “Gaudete et exsultate”, a seguire c’è stata l’Adorazione Eucaristica con preghiera di guarigione, dove il Signore attraverso la Sua presenza ha elargito grandi grazie, la pace e la gioia di avere Gesù nella nostra vita, di aver avuto la grazia di aver fatto un incontro personale con Lui, e il desiderio profondo che tanti fratelli facciano la stessa esperienza dell’Amore di Dio, di un Dio che cammina sempre accanto ad ognuno di noi.Subito dopo la benedizione eucaristica, ci siamo goduti un buonissimo gelato, che porta alla nostra mente quanto “è dolce che i fratelli vivano insieme…Perché là il Signore manda la benedizione, la vita per sempre.”